Comunicato 6/2019 presa distanza

Gentili soci,
a seguito di alcuni avvenimenti accaduti nelle ultime settimane, che hanno visto alcuni soci confrontarsi in
maniera più o meno pubblica e più o meno accesa su determinati argomenti di carattere sociale e
personale, il Consiglio Direttivo ha ritenuto necessario esprimere una posizione nei confronti di tali
avvenimenti, anche a seguito del disagio espresso da alcuni dei soci coinvolti.
Il quidditch è uno sport che da sempre fa dell’inclusività una sua bandiera. La libertà di genere, la libertà
nella definizione del proprio orientamento sessuale, la libertà di poter essere se stessi senza per questo
essere oggetto di scherno dovrebbe essere un elemento fondante in qualunque società civile, e deve
esserlo a maggior ragione in una realtà sociale che ha una tale colonna portante nei suoi principi generali.
Atteggiamenti discriminatori od offensivi in ambito di attività sociale sono severamente vietati e puniti
come previsto dai regolamenti interni in vigore, e la maturità personale dovrebbe intervenire di
complemento.

Contemporaneamente, l’AIQ è un’associazione sportiva il cui scopo sociale è quello di perseguire la
diffusione dello sport nei modi e nei luoghi previsti, non quello di operare all’interno di iniziative di
attivismo sociale. Il Consiglio Direttivo, così come gli staff AIQ, sono chiamati ad intervenire e ad operare
all’interno dei perimetri previsti dalla struttura di un’associazione che organizza eventi sportivi, perimetri
necessariamente limitati ai luoghi e ai tempi delle attività associative. Nello specifico, ricordiamo che i
canali ufficiali di competenza dell’Associazione sono il sito ufficiale, le mail ufficiali con dominio
@italiaquidditch.com e il gruppo Facebook “AIQ Soci”, riservato ai soli soci AIQ.

In qualità di Consiglio Direttivo ci dissociamo con fermezza da tutti quegli atteggiamenti che possano essere
interpretati in maniera più o meno palese come atti di bullismo o di discriminazione, sia essa religiosa,
razziale, sessuale, politica o di genere. Siamo vicini e restiamo a disposizione di tutti i soci, nessuno escluso,
che vorranno condividere con noi, in maniera sia formale che informale, le difficoltà e i disagi che possono
aver incontrato o dovessero incontrare nello svolgimento delle attività sportive e nella partecipazione alle
iniziative sociali promosse dall’Associazione. Siamo allo stesso tempo convinti che un confronto sano,
caratterizzato da adeguati toni e termini da utilizzare all’interno della personale libertà di espressione e nei
limiti della sensibilità e del rispetto dell’altrui persona, sia alla base della crescita personale e comunitaria.

Siamo certi della vostra comprensione e della vostra collaborazione.